Vai ai contenuti

Pitti Uomo 89: Manuel Ritz punta sull'innovare il vestire maschile

Articoli associazione > Tessile > articoli del 2016 > articoli di Gennaio
"Quest'anno a Pitti abbiamo proseguito sulla nostra strada di rendere particolare, innovativo, unico, il vestire maschile, partendo sempre da una base del buon gusto italiano e della tradizione italiana sartoriale". Così Federico Rosi, direttore commerciale di Manuel Ritz, presente all'edizione numero 89 di Pitti Uomo.

Alcune proposte Manuel Ritz a quest'edizione di Pitti Uomo 89
"Quest'anno il focus si è spostato sull'interno dei capi: abbiamo alleggerito - continua Rosi- l'utilizzo del colore all'esterno, ma lo abbiamo spostato all'interno, con delle foderature molto speciali, con un uso dei colori molto particolare, caldi, legati alla stagione invernale. Ogni capo è un'opera d'arte unica nel suo genere".

Per quanto riguarda l'utilizzo delle stoffe, "si è passati da un grande utilizzo del cotone e ci si è spostati verso le lane. Sentiamo che è il momento di un ritorno all'utilizzo delle lane, in inverno, in capi molto costruiti anche se dai fit asciutti, sempre verso il sartoriale."

"I nostri tessuti sono tutti di produzione italiana e stiamo facendo un grande utilizzo dei jersey con un'immagine laniera. Molti dei nostri capospalla e cappotti sembrano di tessuto tradizionale ma hanno invece la costruzione jersey che possono offrire - conclude Rosi - una costruzione maggiore."
Torna ai contenuti