Vai ai contenuti

GdF Napoli: sequestrate borse e capi sportivi falsi, 14 denunce

Articoli associazione > Tessile > articoli del 2015 > articoli di Ottobre
Una filiera di borse e di abbigliamento contraffatti è stata scoperta dalla Guardia di Finanza a Napoli. Due gli opifici clandestini sequestrati e 14 le persone denunciate.

I militari del Comando provinciale del capoluogo campano hanno individuato, in due distinte operazioni, nella zona di San Pietro a Patierno e nel quartiere Poggioreale, due fabbriche clandestine.

Nell'area nord di Napoli è stato individuato un opificio all'interno di una palazzina dove sette persone, tutte di origini napoletane, erano impegnate nella produzione e confezionamento di borse con il marchio Chanel. La qualità della pelle utilizzata, le cuciture e le rifiniture hanno fatto ipotizzare che gli articoli di pelletteria erano destinati a un mercato "qualificato" e diverso da quello di strada.

All'interno di un'abitazione a Poggioreale, invece, i finanzieri hanno individuato un laboratorio clandestino nel quale, sette persone, tra cui due originarie del Brasile e un minorenne, erano impegnate nella stampa abusiva di noti marchi sportivi su capi di abbigliamento già pronti per essere stoccati e immessi sul mercato.

I due locali sono stati sequestrati, sigilli anche a 13 macchinari da lavoro, dieci cliché, cinque banconi da lavorazione, 710 prodotti finiti con marchio contraffatto, 26.607 tra prodotti semilavorati e accessori.
Torna ai contenuti